D’Urso apre sulla guardia medica: «Rinforzi possibili»

Polemica a distanza tra l'Asl Toscana sud e la Fimmg

«Se aumentasse la domanda, visto che l’azienda tiene continuamente monitorati i numeri, provvederò a integrare il personale». Lo ha dichiarato il direttore generale della Asl Toscana Sud Est Antonio D’Urso e lo ha confermato l’assessore Francesca Appolloni chiamata in causa in consiglio da due interrogazioni, confermando che in caso di necessità sarà ripristinato lo status quo, così come sarà previsto un rinforzo nei giorni di Palio.Il caso, però, resta ancora infuocato e neanche l’ulteriore rassicurazione del dg ha calmato le acque. La stessa Appolloni, affermando come «l’apertura di D’Urso sia lodevole» non ha messo a tacere le polemiche. Resta da attendere l’incontro fra i due fra pochi giorni. «Mi incontrerò con D’Urso – ha affermato Appolloni – per riflettere sui dati che hanno portato a riproporre il modello organizzativo delle estati scorse». Vale a dire non potenziare il servizio notturno infrasettimanale del periodo estivo nella fascia oraria 20-24 con il secondo medico, mantenendolo nei giorni festivi e prefestivi.
«Non vedo l’intento di ripristinare il medico tagliato da parte dell’amministrazione», ha detto però Pietro Staderini, consigliere di Sena Civitas. Parole che hanno provocato una reazione dell’assessore.
«Ci ha dato dei latitanti ma Staderini sulla questione non si è mai rapportato con noi». Anche i consiglieri del gruppo Voltiamo Pagina sono rimasti poco soddisfatti della non considerazione da parte dell’Asl. «Nelle prime due ore della notte le guardie mediche si trovano a dover fare i conti con numerose urgenze – afferma Marsiglietti – per la presenza di una sola ambulanza, dell’assenza della guardia turistica, e con il pronto soccorso che non trascrive terapia. Il servizio andrebbe potenziato non ridotto».

Fonte: La Nazione Siena

(Visto 22 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *