Cecina, organico da aumentare. Confronto sindaci-Asl

Il sindaco di Cecina, in cerca di risposte sulla sanità locale

La direzione sanitaria dell’ Asl d’ accordo a rivedere i numeri della pianta organica dell’ ospedale. Una richiesta più volte avanzata dai sindacati di categoria. Stavolta anche l’ azienda avrebbe ammesso che il numero degli infermieri è insufficiente, almeno per due reparti del presidio cecinese, il pronto soccorso e la terapia intensiva e sub­intensiva. La questione è stata discussa la scorsa settimana in un incontro tra la Conferenza dei sindaci e la direzione sanitaria, alla presenza del dottor Mauro Maccari, direttore sanitario dell’ azienda Usl Toscana nord ovest, e del sindaco Samuele Lippi.

«Abbiamo avviato un confronto con l’ azienda ­ dice Lippi ­ per risolvere alcune carenze del personale infermieristico. L’ azienda si è detta disponibile a rivedere la pianta organica. Il nostro obiettivo è trasformare i posti di subintensiva in intensiva, e questo comporta un maggior numero di figure professionali». L’ altro reparto maggiormente in sofferenza è il pronto soccorso soprattutto nel periodo estivo. «Mentre non ci sono carenze per il personale medico ­ aggiunge Lippi ­ perché i posti sono stati coperti, devono essere risolte alcune criticità per il personale infermieristico. E resta il problema della sostituzione delle malattie lunghe. Comunque il confronto è avviato, e l’ azienda ha dato la propria disponibilità a intervenire in tempi rapidi». Terapie riabilitative. L’ altro aspetto da affrontare riguarda il problema delle terapie riabilitative. In questi giorni sindaco e assessore al sociale hanno incontrato il comitato delle mamme con figli con handicap che si batte per avere accesso alle terapie. Che invece hanno lunghe liste d’ attesa, in particolare la logopedia. «Ho incontrato le mamme ­ dice Lippi ­ e ho dato la mia assicurazione ad intervenire. Intanto dall’ Asl vogliamo avere un quadro preciso, con il numero dei ragazzi che hanno in carico. Con l’ associazione Orizzonte abbiamo anche aperto un confronto per realizzare un progetto estivo per i ragazzi».

Fonte: Il Tirreno Piombino

(Visto 72 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *