Slitta a dopo il 2021 l’ampliamento del pronto soccorso

L'ampliamento slitterà ancora

Un piano di investimenti da oltre 140 milioni di euro per i prossimi anni. L’Asl Toscana Centro approva il bilancio di previsione pluriennale 2019-2021 e mette nero su bianco l’elenco degli interventi in programma: 13 nuove case della salute, messa in sicurezza e riorganizzazione dell’ospedale di Fucecchio, ristrutturazione di quello di Castello, ristrutturazione del blocco H del San Giuseppe, realizzazione del reparto di dialisi e installazione di macchinari diagnostici aggiuntivi, ampliamento del pronto soccorso.Oltre 40 interventi, compresi opere in via di completamento e lavori che invece si spalmeranno su più anni. Quelli per i quali è stato previsto il finanziamento nel corso del 2019 e che quindi si concluderanno entro l’anno sono una quindicina. La voce più importante (41 milioni) riguarda il completamento del primo lotto di lavori all’ospedale San Giuseppe. Qui, dopo la realizzazione della galleria commerciale, il recupero dell’impianto fotovoltaico e l’apertura del parcheggio multipiano nell’ex edificio E, manca davvero poco alla fine del cantiere. A Fucecchio, due gli interventi programmati sul San Pietro Igneo: consolidamento versante orientale su cui poggia il plesso e prima fase della riorganizzazione funzionale.
Per il primo devono essere finanziati 190mila euro, per il secondo solo 173 mila euro su un totale di 1,7 milioni di euro. Al San Giuseppe verrà realizzato un reparto di dialisi con un finanziamento di 600mila euro. Mentre verranno inaugurate le case della salute di Vinci, Montelupo, Limite, Castello, Galleno, Gambassi, Fucecchio, Empoli Ovest e Cerreto (stanziamento di quasi due milioni). Entro il 2020 dovrebbe essere portata a termine la Rems nell’ ex carcere di Pozzale (800mila euro). Stessa cosa per la trasformazione della Rsa di via Volta in hospice (720mila euro), per l’ installazione di una nuova Tac e una nuova risonanza magnetica al S. Giuseppe (500mila euro) e per la casa della salute di Empoli Centro (100mila euro).
Slitterà al 2021 la casa della salute di Certaldo (2,7 milioni). Gli altri interventi prevedono stanziamenti che vanno addirittura oltre questa data. Non basterà il prossimo triennio, infatti, per portare a termine l’ampliamento e la ristrutturazione dell’ospedale di Castelfiorentino: la spesa sarà superiore ai 13 milioni, cinque dei quali rientrano nei flussi da stanziare dopo il 2021. Stessa cosa per i lavori all’ edificio H del San Giuseppe: su 31 milioni, 500mila euro sono stati messi a bilancio quest’anno, 13 milioni nel 2020, 15 nel 2021 e 1,7 milioni negli anni successivi. E così per la casa della salute di Empoli Est (quasi 3 milioni), in programma dopo il triennio. Discorso analogo per l’ampliamento del pronto soccorso da 1,8 milioni di euro. Mentre per il centro autismo e per il nuovo centro disabili di Empoli i lavori dovrebbero partire già quest’anno per terminare dopo il 2021: nel complesso i due poli costeranno 12 milioni.

Fonte: Il Tirreno Empoli

(Visto 101 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *