Sciopero sanità all’ospedale Versilia. Giovannetti: “La nuova riforma non è un bene”

Anche il sindaco di Pietrasanta presente allo sciopero

Allo sciopero indetto da Fials all’ospedale Versilia in protesta alle norme previste dalla nuova Rrforma della sanità voluta dalla Regione Toscana ha partecipato anche il sindaco di Pietrasanta, Alberto Stefano Giovannetti, sostenendo la necessità di una controriforma che riporti la sanità ‘a misura d’uomo’. “La sanità torni indietro – afferma – Questa riforma non è stata un bene per i cittadini, per i pazienti e per i lavoratori della sanità toscana. Ha palesato i suoi limiti. Le ricadute della riorganizzazione sono state negative: non lo dico io, lo dicono i pazienti e chi amminitra dovrebbe tenerne conto. Non si possono tagliare i costi della salute”.
“Non si può tenere le persone in lista di attesa per 10 mesi per una visita – continua il sindaco Giovannetti -. Le richieste dei cittadini e dei lavoratori sono legittime. Pietrasanta è sempre stata molto critica nei confronti della gestione della sanità in Versilia dopo la riforma voluta dalla Regione Toscana. Oggi mi dispiace che ci siano solo amministratori di centro destra qui a protestare insieme ai lavoratori e al sindacato della Fials, perché la sanità non dovrebbe essere un tema elettorale ma dovrebbe essere al di sopra della politica e delle politiche. Se oggi il livello di assistenza del Versilia e delle altre strutture, non implode è solo grazie al lavoro, all’impegno, al sacrificio personale di medici, infermieri, Oss ed operatori”. “Serve – ha concluso – una contro-riforma per riportare la sanità a misura di paziente”.

Fonte: Lucca in diretta

(Visto 16 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *