Sanità: Saccardi su risorse finanziarie del bilancio 2016

Stefania Saccardi, assessore regionale alla Sanità

I dati trasmessi dalle aziende sanitarie alla Regione sul monitoraggio economico necessiteranno un ulteriore approfondimento di analisi, anche perché non è ancora completamente definito l’ammontare delle risorse su cui il sistema sanitario regionale potrà contare in questo esercizio, nonostante il 2016 sia già concluso. I costi che hanno registrato la maggiore crescita rispetto al 2015 sono “soprattutto quelli relativi al consumo di farmaci ospedalieri”. I dati, non ancora definitivi, dicono che l’acquisto di farmaci nel 2016 ha raggiunto un valore di circa 953milioni di euro, più 56milioni (6,2 per cento) rispetto all’anno precedente: di questi 56milioni, 17 sono relativi a vaccini e farmaci per la cura dell’epatite C; 39 (più 5,4 per cento) ai farmaci ospedalieri. Si fa notare che, mentre l’incremento dei vaccini è compensato dal contributo di 10milioni ricevuto dal ministero della salute e quello dei farmaci per la cura dell’epatite C è più che compensato dalle note di credito, in parte già ricevute e in parte da ricevere, per gli accordi sui prezzi stipulati dall’Aifa, l’aumento della spesa farmaceutica potrebbe essere invece mitigato soltanto dalla contabilizzazione del relativo payback, sul quale però persistono pesanti incognite.
Gli ultimi dati sulle note di credito relative ai farmaci per la cura dell’epatite C evidenziano che il costo annuo 2016 per tali principi attivi dovrebbe essere inferiore di circa 35milioni rispetto al 2015, sempre grazie agli accordi stipulati dall’Aifa. Tale beneficio, però è stato più che neutralizzato dall’incremento subito dagli altri farmaci ospedalieri, per cui l’aumento dei costi per l’acquisto dei beni sanitari è stato di circa 13milioni di euro. Quanto ai nuovi farmaci oncologici, si stanno definendo, con la collaborazione degli oncologi, linee guida per un uso appropriato dei farmaci, soprattutto l’utilizzo dei nuovi farmaci.
Oltre ai suddetti incrementi di costo, permane l’incertezza sull’ammontare del payback. Il payback è la quota di rimborso della spesa farmaceutica ospedaliera. Come ha stabilito la legge 135 del 2012, infatti, il 50 per cento del superamento del tetto di spesa della farmaceutica convenzionata deve essere rimborsato dalle aziende farmaceutiche alle Regioni. La stima è confermata da Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco. Nel 2015 la cifra era stata di 115milioni, per il 2016 è arrivata l’autorizzazione a contabilizzare solo i primi sette mesi dell’anno, ma si attende ancora la determinazione di Aifa. La cifra prevista è tra i 65 e i 70milioni di euro, ma c’è il rischio di non poter contabilizzare neppure questa porzione, se l’Aifa dovesse determinare l’ammontare oltre i tempi consentiti per l’iscrizione in bilancio.
La Regione ha richiamato l’attenzione delle direzioni delle Asl affinché adottassero tutte le misure necessarie per tenere sotto controllo la dinamica della spesa farmaceutica, in modo da non minare l’equilibrio del sistema sanitario regionale. Le misure si sono sostanziate in un monitoraggio pressante dell’andamento della spesa farmaceutica ospedaliera, ma sono stati garantiti adeguati livelli di assistenza ai cittadini.
Non sono da ritenere attendibili, prosegue Stefania Saccardi, interpretazioni giornalistiche secondo le quali certe problematiche economiche sarebbero la dimostrazione della non idoneità della riforma sanitaria a produrre la razionalizzazione dei costi: nella fase iniziale di una ristrutturazione aziendale non si possono attendere risparmi eclatanti, per via dei costi intrinseci all’attuazione dei nuovi assetti organizzativi. Rimane il fatto, conclude Saccardi, che l’equilibrio economico del sistema sanitario regionale non può prescindere dall’iscrizione nei bilanci di almeno una quota del payback relativo alla spesa farmaceutica ospedaliera, che un atteggiamento irragionevolmente bellicoso da parte delle aziende farmaceutiche sta mettendo in forse.

(Visto 65 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *