Rischio professionale: a Careggi boom di iscritti per l’evento della Fondazione Paci

La progressiva affermazione del contenzioso in campo medico, in un clima crescente di sfiducia reciproca tra paziente e professionista, ha proiettato la medicina difensiva in una prassi consolidato. Allo stesso tempo, per i medici le questioni inerenti il rischio professionale sono diventate una priorità.

Conoscere e informarsi è un obbligo al quale nessuno specialista può e vuole sottrarsi. Non a caso, oggi si può affermare con certezza che la formazione fa tendenza. La conferma arriva dall’ultimo appuntamento organizzato nell’aula magna dell’Aou Careggi dalla Fondazione Pietro Paci, che dal 2003 si occupa, spesso sollecitata dalle stesse Aziende ospedaliere, di corsi formativi e di aggiornamento professionale. Si tratta di un ciclo di incontri che coinvolge tutto il Paese e che in Toscana ha fatto già tappa a Pisa e il 18 marzo sarà a Siena.

Nel presidio di Firenze si è svolto l’evento denominato “Danni irreversibili – eventi avversi da cui il medico deve imparare”, alla presenza del Direttore generale, Rocco Damone, e con il contributo organizzativo della segreteria aziendale Anaao Assomed di Careggi e della Regione Toscana.

L’appuntamento, che ha visto la presenza di quasi 200 persone, arrivate anche dalla Liguria, ha avuto come relatori, Gabriele Gallone, presidente della Fondazione, Paolo Piana, legale ed esperto in diritto sanitario, ed Emanuele Guanziroli, in qualità di broker per le assicurazioni sul rischio professionale. Il dibattito si è svolto attraverso un percorso multidisciplinare e negli interventi sono stati affrontati i vari ambiti che il medico si trova oggi ad affrontare, in aggiunta a quello sanitario. Per dare ulteriore consapevolezza ai presenti, nel corso sono stati affrontati anche una serie di casi clinici, sfruttando l’interattività, che hanno spaziato dalla chirurgia all’oncologia fino alla ginecologia.

Il successo dell’iniziativa è stata una vittoria anche per il sindacato Anaao, che da sempre ha come obiettivo l’informazione e la tutela dei professionisti del comparto sanitario.

Per quanto riguarda invece l’attività della Fondazione Pietro Paci, all’indirizzo https://fondazionepietropaci.com/ è possibile trovare i corsi FAD (gratuiti per gli iscritti Anaao) che consentono di adempiere all’intero obbligo formativo ECM del prossimo triennio 2020-2022.

A breve, sempre sulla piattaforma online, saranno pubblicati i prossimi eventi. Per tutti gli aggiornamenti si può anche consultare la pagina facebook https://www.facebook.com/fondazionepietropaci

(Visto 27 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *