Ospedali, in arrivo sette medici per la chirurgia

Nella Toscana sud nuove forze in arrivo

Sono in arrivo ventun medici per la chirurgia generale dell’Asl Toscana sud est: «Per far fronte alle liste d’attesa in ambito chirurgico» spiega l’azienda sanitaria, per la quale si tratta di «un’ulteriore soluzione che l’Asl Toscana sud est sta predisponendo per fronteggiare questo tema così sentito dalla comunità e su cui la Regione Toscana ha canalizzato importanti investimenti».I nuovi ventun chirurghi eserciteranno le proprie funzioni all’interno del dipartimento aziendale di chirurgia generale e specialistica, diretto da Paolo Pietro Bianchi: sette di loro saranno assegnati all’area provinciale grossetana, quattro a quella senese e dieci a quella aretina; il numero complessivo di personale medico assegnato al dipartimento di chirurgia è di 197 unità, di cui 79 sono dirigenti medici di chirurgia generale.
I ventun medici, in questa fase – dettaglia una nota dell’Asl Toscana sud est – sono reclutati a tempo determinato per un anno, mediante l’utilizzo di una graduatoria Estar, l’Ente di supporto tecnico amministrativo regionale). L’ingresso in servizio avverrà completata la verifica del possesso dei requisiti previsti per accedere al pubblico impiego. «È una boccata d’ossigeno a supporto dei professionisti – osserva il direttore generale dell’Asl Toscana sud est Antonio D’Urso – Una risposta concreta alle preoccupazioni dei cittadini».
Ben venga dunque la nuova infornata anche se a tempo determinato: ma negli ospedali maremmani l’organico medico registra picchi critici soprattutto nei pronto soccorso e all’emergenza-urgenza dove mancano, complessivamente, 15 unità. A Grosseto, per esempio, al pronto soccorso del Misericordia sono in servizio 23 medici e 60 infermieri, ma in base alla delibera regionale 803 che stabilisce il fabbisogno del personale, mancano sei medici. A Orbetello ne mancano cinque. A Pitigliano tre, a Castel del Piano uno.

Fonte: Il Tirreno Grosseto

(Visto 40 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *