Ordine dei medici. Dopo 10 mandati si chiude l’era di Antonio Panti

Antonio Panti, presidente Ordine Medici di Firenze

Si chiude un’era lunghissima e già è partita la corsa per la sostituzione di chi ha regnato per ben trent’anni. Antonio Panti ha annunciato che dopo 10 mandati consecutivi non si candiderà più alla presidenza dell’Ordine dei medici di Firenze, il più importante, in fatto di numero di iscritti, della Toscana. Panti ha sempre goduto di un vastissimo consenso, tanto che poche volte qualcuno si è candidato contro di lui quando è arrivato il momento delle elezioni. Del resto ha sempre dimostrato la capacità di ascoltare e se necessario aiutare tutti gli iscritti, che si trattasse dello specializzando o del professore universitario. In più è un uomo di sistema, di quelli che collabora con la Regione, propone spunti, suggerisce delibere, studia gli atti. Visto che Panti, che quest’anno ha compiuto 80 anni, si fa da parte, anche sedi certo continuerà ad avere un ruolo all’interno dell’Ordine, quest’anno ci sono ben tre cordate di candidati che si sfidano. Le elezioni si svolgeranno a novembre e la legge sugli ordini non prevede si debbano presentare liste ufficiali. Semplicemente si formano gruppi di professionisti che appoggiano aspiranti presidenti. Ebbene, in pole position in questo momento c’è un medico già sindacalista e negli ultimi anni uomo del sistema sanitario, prima direttore sanitario della Asl fiorentina e poi generale dell’azienda ospedaliera di Siena, Piero Tosi. Ha raggiunto un accordo con Vittorio Boscherini, come lui attualmente consigliere e candidato futuro vicepresidente, capo del sindacato dei medici di famiglia, la Fimmg, che gli porterebbe molti consensi. Dalla stessa parte ci sarebbe il sindacato ospedaliero Cimo, al quale Tosi apparteneva, nonché quello dei pediatri. Per questo al momento l’attuale direttore di Siena, che a settembre andrà in pensione e sarà sostituito da Valtere Giovannini alla guida dell’azienda ospedaliera, appare il candidato più forte. Del resto 1y Tosi da tempo lavora per diventare presidente. La seconda lista appoggia Teresita Mazzei, oncologa universitaria e attuale vicepresidente dell’Ordine. Il suo numero due è Luciano Gabbani, geriatra di Careggi e nome del sindacato più forte dei medici ospedalieri, l’Anaao. Attualmente è segretario dell’Ordine. Come si vede, tutti questi nomi appartengono a medici già attivi, e da anni, all’interno dell’organismo che rappresenta gli interessi della categoria. La terza cordata fa invece capo a Pasquale Morano, direttore della Croce Rossa, e al suo aspirante vice è Fabrizio Bandini, che fa il cardiologo a Borgo San Lorenzo. Anche se mancano alcuni mesi alle elezioni, i candidati sono in gran parte già in campagna elettorale. C’è da lavorare per convincere i colleghi ad andare al voto, visto che l’affluenza non è mai particolarmente alta. Riuscire a portare dalla propria parte, ad esempio, un gruppo sostanzioso di giovani medici potrebbe fare la differenza. La presidenza dell’Ordine fiorentino porta con sé anche la possibilità di giocarsi una sfida importantissima, quella per diventare consulente dell’assessorato come responsabile della nuova struttura del Governo clinico. È stata varata da poco, anche se non è ancora operativa, e sostituirà il Consiglio dei sanitari, che era un ampio gruppo di professionisti di varie specialità che forniva pareri al dipartimento alla Salute su vari temi tecnici. A capo c’era Panti.

Fonte: Repubblica Firenze

(Visto 1.250 volte, 1 visite giornaliere)

Una risposta a “Ordine dei medici. Dopo 10 mandati si chiude l’era di Antonio Panti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *