Nasce la commissione mobbing: da Anaao una risorsa per la Toscana Sud

Anche il presidio di Nottola sarà uno dei banchi di prova della commissione

Riceviamo e pubblichiamo, il comunicato della segreteria aziendale Anaao in merito alla nascita della commissione per il contrasto del Mobbing, delle molestie, delle aggressioni ai sanitari e dello stress lavorativo nell’ambito dell’Asl Toscana sud est. Uno strumento al fianco del personale sanitario e una risorsa per migliorare la qualità dell’ambiente di lavoro.Lo scorso 18 marzo, la Direzione Aziendale della Usl sudest ha presentato – con un atto di trasparenza encomiabile che permette l’avvio di una riflessione in proposito – i dati, da poco disponibili ufficialmente, della rilevazione effettuata tra giugno e luglio del 2017 sul clima interno.
Nel confronto con le altre due mega-aziende toscane, i dati sembrerebbero lievemente migliori, tuttavia gli aspetti critici sono numerosi e tra essi i più preoccupanti sono sul mobbing: considerato che ben il 40% dei 4074 dipendenti che hanno risposto al questionario, afferma di “essere a conoscenza, diretta o indiretta, dell’esistenza di comportamenti riconducibili a ciò (demansionamento formale o di fatto, esclusione di autonomia decisionale, isolamento, estromissione dal flusso delle informazioni, ingiustificate disparità di trattamento, forme di controllo esasperato)”.
Sulle molestie il quadro non è molto meno fosco, se e vero che ben il 35,6% assicura di essere a “conoscenza diretta o indiretta, dell’esistenza di molestie sotto forma di parole o comportamenti idonei a ledere la dignità individuale e a creare un clima negativo sul luogo di lavoro”.
Una spia rossa la rilevazione la segnala anche sull’equità deI trattamenti, se ben il 30,9% si dichiara per nulla o poco d’accordo con l’affermazione “il mio responsabile diretto è equo nella gestione dei suoi collaboratori”.
Sul merito, poi, la percezione è catastrofica. La rilevazione chiedeva una risposta alla frase: “Nella mia azienda il merito è considerato un valore fondamentale”. Ma i dipendenti della sudest non sono per nulla d’accordo con questa affermazione temeraria, dato che ben il 57,5% risponde di no.
C’è da sperare che vi sia qualche errore procedurale della rilevazione, perché percentuali di tale dimensioni sarebbero davvero preoccupanti. Nel contempo è sempre più montante il fenomeno delle aggressioni ai sanitari. Tutto ciò comunque impone al nostro sindacato di studiare e monitorare il fenomeno per produrre una linea sindacale che affronti tali spinosi problemi.
Il mobbing e le molestie sono anche argomenti delicati e che emergono con difficoltà per la ritrosia a esporsi su tali questioni e per paura di ritorsioni.
Gli strumenti aziendali ci sarebbero, ma il Cug è stato avviato solo recentemente e solo dopo forti pressioni soprattutto del nostro sindacato, mentre il codice di comportamento, che pure sarebbe rigoroso, nei fatti non sembra funzionare.
Occorre uno strumento che sia in grado di dare delle risposte alle situazioni emergenti e questo è un compito che il sindacato deve intraprendere senza indugio le strade adeguate.
La segreteria aziendale ANAAO ha deciso pertanto di istituire la Commissione per il contrasto del mobbing, delle molestie, delle aggressioni ai sanitari e dello stress lavorativo.

(Visto 59 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *