«Le scuole devono riaprire. Il vaccino antinfluenzale aiuta»

La commissione pediatrica Anaao sulla riapertura delle scuole

«Pur con la massima attenzione alla sicurezza, fare di tutto perché le scuole riaprano». Questa è la convinta opinione del presidente dell’Ordine provinciale dei Medici, Giuseppe Figlini. «La ripresa delle lezioni in aula (in presenza come usa dire oggi) è una priorità, un obiettivo irrinunciabile. Dopo la chiusura, inevitabile, arrivata nel corso del passato anno scolastico con il lockdown – prosegue – non riaprire le scuole a settembre sarebbe una vera iattura e potrebbe comportare anche un danno non colmabile sotto l’aspetto dello sviluppo psicofisico dei bambini e dei giovani».L’andamento epidemiologico degli ultimi giorni è tornato a far preoccupare, ma ciò non deve in alcun modo impedire, salvo emergenze localizzate, il corretto svolgimento dell’anno scolastico. «Come medico di famiglia svolgimento dell’anno scolastico. «Come medico di famiglia (e come nonno) – aggiunge – so per esperienza che non tutti i nuclei familiari dispongono dei mezzi per affrontare la didattica a distanza. Al di là dell’aspetto economico, non di poco conto (dotazioni informatiche, possibilità di lavorare da casa o di avvalersi di costose baby sitter, vista l’ impossibilità di affidarsi ai nonni che rimangono una categoria a rischio), è evidente come non tutti possano avere le competenze specialistiche nell’insegnamento possedute da maestri o professori, né è pensabile, in ogni caso, che sia la famiglia a farsi carico dell’istruzione dei figli. Oltre a questi temi, ben noti a chi ha affrontato la didattica a distanza – precisa – voglio anche sottolineare come la scuola non sia solo luogo di apprendimento, ma anche il primo contesto di sviluppo psico-socio-emotivo dei ragazzi esterno alla famiglia, dove iniziano a confrontarsi ed affermarsi quali singoli ed all’ interno del gruppo. Se qualche nozione infatti potrà anche essere recuperata, questa fase di sviluppo, invece, non lo potrà. In sostanza, se tale fosse l’alternativa, meglio doppi turni piuttosto che la non apertura».
«Non spetta a me individuare in dettaglio le specifiche misure organizzative e di sicurezza da assumere per garantire la riapertura delle scuole – dice ancora Figlini – sulle quali sta lavorando il Comitato Tecnico Scientifico. Come presidente dell’Ordine, però, posso senz’altro sensibilizzare i cittadini ad aderire alla campagna di vaccinazione antinfluenzale, quest’anno più di ogni altro. Evitare di contrarre l’influenza (che può avere in comune sintomi con il Covid) e ridurre il rischio di allarmismi ingiustificati sarebbe di grande vantaggio per tutti. Così come auspico che nessuno perda di vista l’ importanza del rispetto dell’igiene delle mani e delle altre raccomandazioni».

Fonte: Il Tirreno Pisa

(Visto 34 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *