L’Asl compra le risonanze ai privati ma le attese sono ancora di 9 mesi

Quasi pronto il punto nascita

Troppi giorni per sapere se hai un tumore, o meno. La notizia degli accumulati ritardi per gli esami di Anatomia Patologica a Livorno – 2.000 accertamenti in attesa – genera comprensibilmente un coro di proteste e polemiche. E sebbene l’Asl abbia già risposto che stava lavorando per risolvere il problema (organici ridotti all’osso dei tecnici di laboratorio), c’ è grande preoccupazione e disorientamento nei pazienti. Anche perché, a catena, il fenomeno interessa pure il Laboratorio di analisi, oggi accentrato a Livorno, dove finiscono tutte le provette dell’area Livornese, dal capoluogo a Piombino. Ieri è intervenuto sulla questione Don Reno Pisaneschi, presidente del Coordinamento cittadino per l’ ospedale di Cecina. “Ogni cittadino ha diritto alla cura celere e sicura”, criticando duramente questi pesanti ritardi. Intanto, però, il problema delle liste d’attesa per esami (non solo di laboratorio),
accertamenti clinici e diagnostici, è ben lontano dall’essere risolto. A dispetto di una serie di annunci, ormai ciclici, con cui le direzioni aziendali comunicano progetti o ricette per l’ abbattimento dei tempi. L’ultimo, recente, è dei primi di agosto quando l’Asl Nord Ovest ha affidato a centri esterni 1.600 risonanze magnetiche.
Questo dopo che nel 2017 erano state vendute ai privati 12.000 ecografie. Un’operazione che costa all’
azienda circa 350mila euro l’ anno e che vede il pacchetto più cospicuo di esami prendere “il volo” verso il B Medical Group di Venturina (1.473).
Miglioramenti? Forse si vedranno, perché a giudicare da un nostro rapido sondaggio al Cup, i tempi per
sottoporsi ad una risonanza all’ospedale di Cecina restano molto alti. Il dato preciso, esame per esame, non è disponibile. Anche perché l’azienda – benché ci sia un obbligo ormai dal 2013 di pubblicare i tempi di esecuzione di una prestazione sanitaria sul sito istituzionale – è ferma ai dati di marzo 2018, 5 mesi fa. Di cosa è successo, nel frattempo, non lo sappiamo. Abbiamo però chiesto al Cup l’ impegnativa per una Rmn all’encefalo, con e senza contrasto.
La risposta, sconsolante. A Cecina il primo posto utile è il 2 maggio 2019, nove mesi di attesa. A
Livorno, invece, l’esame si fa il 9 aprile. Non cambia di molto la situazione per altri tipi di esami, come un ecocolordoppler o alcune ecografie, Nel senso che non ci sono progressi rispetto agli ultimi dati disponibili, quelli di marzo. Che parlavano, ad esempio, di 165 giorni per Rmn encefalo e 2019 Rmn colonna vertebrale, 131 giorni per una Tac addome superiore, 244 per una mammografia. E per le
ecografie, 240 ecoaddome, 285 eco capo e collo.

Fonte: Il Tirreno Piombino

(Visto 128 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *