L’allarme. «A rischio la salute dei toscani», i sindacati chiedono alla Regione un’intesa

Nelle festività aumentano le difficoltà per i medici

«A rischio la salute dei toscani». A lanciare l’allarme sono i sindacati Cgil Cisl e Uil secondo cui «per responsabilità anche dei governi nazionali che hanno ridotto in modo inaccettabile le risorse pubbliche destinate alla sanità – si legge in una nota -, siamo di fronte al forte rischio di un progressivo deterioramento dello stato di salute dei toscani, a tanti cittadini che anche nella nostra regione risparmiano sulla salute o rinunciano totalmente a cure e farmaci».
«Case della Salute, funzionanti poco meno della metà». «E’ particolarmente grave – spiegano i sindacati – che, a distanza di cinque anni dalla riforma del sistema ospedaliero, non si siano approntati tutti i presìdi territoriali, cioè Case della salute e posti letto di cure intermedie dopo le dimissioni dall’ospedale. In particolare, le Case della salute programmate e da realizzare dovevano essere 120 e invece ne risultano funzionanti poco meno della metà, con intere zone della regione completamente scoperte (quelle più in sofferenza sono nell’Asl Toscana Sud-Est, sulla costa meridionale e in Mugello)».
«Necessario aprire tavolo in Regione». Per questo i sindacati chiedono alla Regione Toscana l’apertura di un tavolo: «in concomitanza dell’approvazione del prossimo Piano integrato sociosanitario – prosegue la nota -, è necessaria un’intesa tra la Regione e Cgil-Cisl-Uil per passare dalle parole, dalle belle intenzioni, ai fatti concreti, per far sì che quanto contenuto nei Piani e negli atti di indirizzo regionale incida concretamente e si traduca in miglioramenti per i cittadini della nostra Regione. Cgil, Cisl e Uil Toscana realizzeranno, a partire dal prossimo mese di dicembre, una serie di incontri sul territorio per una verifica puntuale dello stato di salute del nostro sistema sanitario e per attivare le forme di mobilitazione eventualmente necessarie a migliorarne il funzionamento».

Fonte: AgenziaImpress

(Visto 103 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *