Distretti sanitari: in Maremma si passa a due

Stefania Saccardi, assessore regionale alla sanità

Le zone distretto del sistema sanitario regionale si riducono da 34 a 26. Lo prevede la proposta di legge Disposizioni in merito alla revisione degli ambiti territoriali delle zone distretto approvata dalla giunta nel corso della sua ultima seduta, che andrà ora all’approvazione del Consiglio.

La riduzione degli ambiti zonali da 34 a 26 rientra nel processo di riordino degli assetti del servizio sanitario regionale avviato con la legge regionale del 16 marzo 2015 e proseguito con la legge regionale approvata dal Consiglio un anno fa, il 28 dicembre 2015. In particolare, con questa proposta di legge si procede alla revisione degli ambiti territoriali di zona distretto.

Questi ambiti sono individuati all’interno delle tre nuove grandi aziende sanitarie in base a criteri quali il numero di abitanti, l’estensione del territorio, il numero di comuni, ponendo attenzione alle zone disagiate, di confine, montane, alla loro identità territoriale, e considerando le esperienze socio sanitarie maturate e consolidate e il rapporto fra dimensioni elevate del territorio e scarsa densità abitativa.

In provincia di Grosseto si passerà da quattro a due: il primo ­ più grande – comprenderà Grosseto, Colline Metallifere e Amiata e il secondo comprenderà i comuni della zona sud. I singoli consigli comunali, le unioni dei comuni o le singole conferenze zonali integrate hanno potuto avanzare proposte per la ridefinizione degli ambiti.

Il processo di unificazione interessa 14 ambiti zonali, che compongono 6 nuove zone distretto, e coinvolge complessivamente 106 comuni e quasi un milione (974.000) di abitanti, pari al 26% della popolazione toscana. Il risultato di questo processo comporta, appunto, la riduzione degli ambiti zonali da 34 a 26. La pdl prevede anche un contributo di primo avvio a favore delle zone distretto oggetto di accorpamento e specifici incentivi di finanziamento per ulteriori accorpamenti.

Fonte: La Nazione Grosseto

(Visto 65 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *