Controversie tra Asl e cittadini: c’è la commissione conciliativa

Il presidente della nuova commissione conciliativa

Ritieni di aver subito un torto dall’azienda sanitaria? Parliamone. Arriva la commissione conciliativa per cercare una soluzione ai contenziosi tra pazienti e Asl. Un modo per allontanare carte bollate e avvocati e rendere il confronto più diretto e proficuo. Nel pomeriggio di ieri il difensore civico della Toscana, Sandro Vannini, ha insediato ufficialmente la commissione mista conciliativa per l’Asl nord ovest.Alla presentazione è intervenuto il consigliere regionale Antonio Mazzeo, componente dell’ufficio di presidenza dell’assemblea toscana. La commissione, che è organismo di tutela di secondo livello e ha composizione paritetica, gestisce e risolvere le controversie dei cittadini in sanità grazie a procedure di conciliazione, per giungere a decisioni condivise e al di fuori di ogni altro mezzo amministrativo o giurisdizionale.
Antonio Mazzeo ha aperto i lavori: «Siamo davvero felici per l’insediamento di questo organismo, che permette di poter offrire servizi migliori ai cittadini, troppo spesso siamo lontani dalle loro istanze. Con la Commissione vogliamo dare tutte le risposte che servono. E laddove la sanità, che è una delle migliori in Italia, non funzioni, queste risposte possono permettere un funzionamento migliore, offrire migliori servizi e dare più adeguatezza alle cure. Dobbiamo lavorare tutti insieme – ha concluso – perché questo organismo sia conosciuto di più e meglio dai cittadini».
Sul tavolo l’assetto stabilito dalla normativa regionale che affida al difensore civico le questioni organizzative generali e le vicende di responsabilità professionale e alle commissioni miste conciliative l’analisi dei reclami relativi a questioni locali. Si è chiarito che a livello di azienda sanitaria di area vasta sarà la commissione, e non i cittadini, a doversi spostare sul territorio e si è anche meglio specificata la natura “conciliativa”, prevedendo che il presidente dell’organismo possa trattare le questioni che richiedono un’ attività di mediazione attraverso una sottocommissione.
La commissione dell’azienda è presieduta dall’avvocato Elettra Pinzani, vicepresidente Vittorio Gasparrini. Per le associazioni di volontariato ne fanno parte Sabrina Erta (Fernando Mosti supplente); e Maria Lina Cosimi (supplente Aurelio Buono); per le associazioni di tutela Simona Baldi (supplente Cristina Parpinelli) e Roberto Boschi (supplente Daniela Puccini), Enrico Baudinelli (Giampaolo Gorini supplente). Per la struttura aziendale sono stati nominati: per la Tiberio Corona (Alessandro Cosimi supplente); Michela Maielli (Sabina Sanguineti supplente); Raffaella Barbieri (Carola Cimmino supplente); Alberto Rametta (Grazia Fazzino supplente) e Monica Cacelli (Silvia Cenerini). Per Maria Letizia Casani, dg dell’ azienda, «è importante che il cittadino abbia conoscenza degli strumenti a sua tutela».

Fonte: Il Tirreno Lucca

(Visto 208 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *