Carenza di pediatri: l’Anaao lancia l’allarme

Una diaspora senza fine. Entro 5 anni il Ssn dovrà fare a meno di 2 mila pediatri. Ciò equivale alla chiusura di 200 punti nascita. In pratica, se ne andranno 10 a Regione, e così il Paese si ritroverà con pochi centri specializzati. A sollevare il problema la Commissione Nazionale Pediatrica Anaao Assomed, che lancia l’allarme. More…

Ospedale, ginecologia e urologia senza primario da anni

Il 31 maggio 2017 Angela Citernesi, direttore di ostetricia e ginecologia all’ospedale di viale Alfieri, è andata in pensione. Oggi, quasi 16 mesi dopo – ben più di un parto -, la struttura non ha ancora il nuovo primario ed è guidata da un medico facente funzione, Edi Landucci, già vice della Citernesi, che porta avanti le attività in vesti pro-tempore che sembrano eterne. Il motivo? Una lentezza imbarazzante (solo in parte legata ai tempi della burocrazia) da parte dell’Estar – l’ente regionale preposto alle selezioni del personale – ma anche della Regione che evidentemente non sollecita un’accelerazione. More…

Guardia medica senza pc né internet: «Siamo gli unici in tutta l’Asl»

Nessuna delle sedi di guardia medica di Pistoia e della Valdinievole, sul territorio della ex Asl 3, è dotata di un computer né della rete di collegamento ad internet. Una anomalia segnalata da tempo, dai medici in servizio e dallo stesso sindacato Fimmg (federazione dei medici di medicina generale), che comporta disagi e problemi sia per chi vi lavora che per gli utenti, ma soprattutto un caso isolato (o quasi) rispetto alle sedi di tutta l’area dell’Asl Toscana Centro (così non accade infatti né a Prato, né a Firenze, tanto per fare un esempio). More…

Careggi recluta i medici big arrivano da fuori

Il chirurgo Muiesan da Birmingham, l’oncologo Giaccone da Washington. E alla neurochirurgia, settore in difficoltà, si insedierà Della Puppa Careggi cambia faccia, e lo fa soprattutto grazie all’intraprendenza dell’Università. Era da tempo che non si vedevano così tanti ingressi di professionisti dall’esterno promossi dall’ateneo. Nel giro di alcuni mesi arriveranno un nuovo chirurgo generale, un nuovo oncologo e un nuovo neurochirurgo. More…

«Carichi di lavoro insostenibili, in ospedale serve altro personale»

«Dov’è andato a finire l’impegno della Regione Toscana per risolvere la problematica dei Pronto soccorso, quando ancora a quelli di Pistoia e Pescia si eseguono più di 300 ingressi giornalieri con attese di ore, con gravi disagi per l’utenza e un carico di lavoro ai limiti della sostenibilità per il personale?». More…

Governo delle liste di attesa, siglato stamani un accordo Regione-sindacati

Tac e risonanze magnetiche fino a mezzanotte, visite ed esami in fasce orarie aggiuntive rispetto a quelle applicate finora. Tutto con agende di prenotazione elettroniche, ampliate e gestite dai Cup. E tutto all’interno del sistema sanitario pubblico, con le aziende che acquisteranno le prestazioni aggiuntive dai propri professionisti. More…

Addio al medico di turno nella notte al San Luca: «Un pericolo per la salute»

Addio guardia attiva notturna, prefestiva e festiva, al San Luca: il medico di ortopedia, secondo i progetti Asl non sarà più presente ma solo “reperibile”. Dopo i sindacati adesso sono i medici che si mobilitano. L’Ordine dei medici ha appena inviato una nota di protesta alla direzione aziendale Asl e alla Regione per il taglio di un servizio fondamentale, che era stato annunciato dalla lista civica SìAmo Lucca. More…

Borse per specializzandi in medicina, Regione e Asl Toscana centro ne finanziano 61

Regione Toscana e Asl Toscana centro finanziano 61 borse per gli specializzandi delle tre Università toscane. È stato infatti pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Miur, che fissa il numero delle borse, con il riparto dei posti per scuola di specializzazione medica. Un numero in crescita (+258) rispetto ai 6.676 posti dell’anno precedente. More…

«Il blocco del turnover un problema da nord a sud. Richiamiamo i pensionati»

Carlo Palermo da pochi giorni nuovo segretario Anaao, lancia l’allarme: mancano medici negli ospedali e tra cinque anni il sistema potrebbe saltare:

Dottore è ‘vietato’ ammalarsi d’estate?
«Arriva l’estate e arrivano i problemi. Perchè anche ai medici vanno garantiti ferie e riposi e l’Italia ha già subito una procedura d’infrazione per il mancato rispetto della relativa direttiva europea. Ma alla riduzione di un terzo delle attività, da giugno a settembre, per consentire le ferie si somma anche un altro fattore: negli ultimi anni negli ospedali c’è stato un depauperamento e una desertificazione professionale» More…