Caso del distretto socio-sanitario di Navacchio. Il trasferimento approda in Regione

Irene Galletti, consigliere regionale M5S

E’ una storia infinita quella che riguarda il distretto socio sanitario di Navacchio che da anni ormai si sarebbe dovuto trasferire a Casciavola nell’ immobile in via De Andrè. Più volte, la Società di Mutuo Soccorso, proprietaria dell’ immobile a Navacchio ha chiesto più chiarimenti sui continui rinvii per una riorganizzazione. «Dall’ 11 novembre 2014, quando ci venne chiesta la rescissione del contratto di affitto, le uniche informazioni sono le proroghe della Asl ­ spiegava a novembre il presidente Acernese ­. Siamo stati informati, con un’ ulteriore proroga, che il 31 gennaio 2017, l’ immobile in via De André a Casciavola sarà consegnato all’ Azienda Usl Toscana Nordovest per destinarlo a distretto socio sanitario». Trasferimento, come ormai da noi anticipato, non avvenuto. Infatti, il collaudo era già stato fatto ai tempi, ma mancava la definizione degli aspetti riguardanti le partite economiche, il pratica il responsabile del procedimento doveva ancora chiudere la contabilità. Informata della situazione, Irene Galletti consigliera regionale del M5S ha portato in consiglio regionale un’ interrogazione per chiarire una volta per tutte come stanno le cose. «La Società di Mutuo Soccorso è costretta a subire, suo malgrado, i ritardi di un iter amministrativo mai certo ­ scrive la consigliera ­. L’ ente mutualistico ha già chiesto chiarimenti alla sindaca Ceccardi, alla presidente della Società della Salute Capuzzi e al direttore generale dell’ Asl Toscana Nordovest, senza alcuna risposta. Vorrei evidenziare che per riorganizzare le attività sul territorio e decidere la destinazione d’ uso futura dell’ immobile, l’ ente necessita di certezze. Ha proposto di continuare il rapporto con il servizio sanitario nazionale e di supplire alle carenze degli spazi del nuovo Distretto dato che la sede attuale occupa mille mq mentre la struttura di Casciavola arriva a 600 mq. Inoltre, l’ ente metterebbe a disposizione gli spazi di Navacchio per la ‘Casa della Salute di Cascine’ con all’ interno studi medici e associazioni del territorio». Per questo Galletti chiede al Presidente della Giunta regionale, Enrico Rossi di cercare chiarimenti sui tempi del trasferimento e sulle problematiche della struttura di Casciavola. Chissà se finalmente questa storia che va avanti ormai dal 2014, avrà fine.

Fonte: La Nazione Pisa

(Visto 300 volte, 1 visite giornaliere)

Una risposta a “Caso del distretto socio-sanitario di Navacchio. Il trasferimento approda in Regione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *