Assunzioni e mobilità. Oltre 120 nuovi ingressi nei prossimi due mesi

Simona Dei, direttore generale Asl Toscana Sud Est pro-tempore

È stata Simona Dei, nelle vesti, appena indossate, di direttrice generale facente funzione, a firmare due giorni fa, al termine di dieci ore di confronto, l’accordo – tra i sindacati Cgil, Cisl e Uil Funzione pubblica e l’ azienda Usl Toscana sud est – che segna un punto di svolta per quanto concerne il fabbisogno del personale e le assunzioni che verranno ratificate nei prossimi due mesi.Quello che entrambe le parti hanno definito il «punto zero», una fotografia reale della situazione del personale, che seppure in costante movimento fornirà la base per future analisi comparative della situazione occupazionale dell’Asl. I sindacati hanno ricevuto il dettaglio degli ingressi in servizio di nuovi infermieri, operatori socio sanitari, tecnici sanitari e amministrativi. In totale oltre 120 persone che indosseranno il camice tra marzo e aprile in modo scaglionato, attraverso mobilità, assunzioni a tempo determinato e indeterminato, lavoro interinale. Un passaggio che permetterà di tarare meglio la pressione lavorativa, l’ adeguatezza delle risorse rispetto ai servizi, l’incidenza delle assenze e, conseguentemente, l’effettiva capacità di programmare le sostituzioni. Altro elemento importante del patto sottoscritto dalla Dei con i sindacati è il monitoraggio costante dell’andamento di ferie, straordinari, accantonamento e consumo delle ore di attività aggiuntiva. Tutti indicatori di necessità di personale.
Infine il confronto ha posto in evidenza la difficoltà delle procedure di arruolamento del personale dovute alla centralizzazione delle procedure concorsuali, con inevitabili allargamenti dei tempi di ingresso in servizio, di concessione dei nulla osta, degli arrivi per mobilità esterne.
Le parti, in una nota, auspicano che questo metodo di confronto possa proseguire «in una crescente condivisione di decisioni e priorità».
L’azienda sanitaria, stavolta, ha giocato davvero a carte scoperte, mostrando ai rappresentanti dei lavoratori report e strumenti che saranno utilizzati per tenere alta l’ attenzione sul fabbisogno del personale.
«Sarà un monitoraggio continuo, attento – ha detto la Dei – perché la gestione di un’azienda così grande presuppone complessità dei processi e del lavoro. Mi fa piacere che i sindacati abbiamo preso atto di ciò che abbiamo portato avanti negli ultimi mesi, ma anche della difficoltà oggettive, da parte nostra, a reclutare personale in certi settori».
Nelle stesse ore in cui la Dei firmava l’accordo con i sindacati, il dg uscente Enrico Desideri salutava i
professionisti che negli ultimi dieci anni lo hanno accompagnato nel governo dell’Asl 8 aretina e poi dell’Asl di area vasta.
«Ringrazio di cuore tutti coloro che mi sono stati vicino in questi anni – ha detto Desideri -. Ho cercato di fare del mio meglio per ricambiare passione, dedizione e professionalità, dando delle linee guida che fossero improntate soprattutto all’ascolto e all’inclusione. È stato un piacere ricoprire questo ruolo. Mai mi sono sentito solo. Un grazie va anche alle istituzioni, che hanno sempre dimostrato una attenzione per le tematiche legate alla salute pubblica e alla sanità. Un altro grazie poi al direttore amministrativo e alla responsabile dei servizi sociali con i quali abbiamo sempre lavorato in sinergia».

Fonte: Il Tirreno Grosseto

(Visto 18 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *