L’ospedale va avanti, in arrivo l’innovativa chirurgia vertebrale

Nuovo reparto per l'ospedale di Poggibonsi

IL 2019 si apre con una importante novità per l’ospedale di Campostaggia: l’arrivo di un nuovo reparto. Si tratta dell’unità di Chirurgia vertebrale mininvasiva dorso-lombare. A dirigerla è il dottor Pietro Morreale, già responsabile della rete ospedaliera Chirurgia vertebrale dorso lombare mininvasiva dell’Asl Toscana Sud.La nascita di questo reparto arricchisce dunque il pacchetto di servizi sanitari del monoblocco di Campostaggia e l’investitura di Morreale, particolarmente impegnato negli interventi per metastasi vertebrali finalizzati a migliorare la qualità della vita del paziente, è una vera e propria garanzia. «Questo nuovo incarico è una grande soddisfazione e mi stimola a far ancora meglio – afferma Morreale – Le competenze specifiche rappresentano un plus per qualsiasi ospedale e sono contento che a Campostaggia si possano fare importanti passi avanti, sempre al servizio del cittadino». Particolarmente soddisfatta per l’istituzione della nuova Unità, Simonetta Sancasciani, direttore dell’ospedale valdelsano.
«Da anni – commenta Sancasciani – Morreale sta effettuando queste operazioni con un richiamo notevole di utenti sia da fuori Asl che da fuori regione. Nel tempo le sue competenze si sono affinate, anche grazie al supporto delle nuove tecnologie. Con questo incarico si assiste ad un riconoscimento del valore professionale di Morreale e, di conseguenza, vedremo aumentare il numero di sedute disponibili, con l’obiettivo di soddisfare le richieste che stanno giungendo, davvero numerose, alla nostra struttura».
Il monoblocco di Campostaggia, insomma, potenzia la sua offerta anche per quanto riguarda i pazienti oncologici. «L’incarico a Pietro Morreale ufficializza e consolida la lunga e fattiva collaborazione maturata con il nostro reparto di Oncologia per la chirurgia vertebrale mininvasiva nei pazienti oncologici affetti da metastasi vertebrali», spiega Angelo Martignetti, direttore Uoc Oncologia Area Senese. Da ora in poi, la professionalità da lui acquisita in questo campo, potrà essere messa a disposizione di tutti i pazienti della Sud Est». L’anno nuovo, dunque, inizia con un ulteriore crescita del monoblocco valdelsano, un ospedale all’avanguardia in diversi settori e atteso da altre novità di rilievo.

Fonte: La Nazione Siena

(Visto 13 volte, 1 visite giornaliere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *