Liste di attesa, la Regione si muove: pronta la delibera per ridurre i tempi

Le difficoltà maggiori riguardano le prestazioni senza priorità. Il nuovo atto dovrebbe essere presentato la prossima settimana Prima un aiuto da chi sta dentro il sistema e poi, semmai, anche da fuori. In Regione è pronta la delibera sulle liste di attesa per l’attività ambulatoriale, visite ed esami. Il settore è piuttosto in crisi in questo periodo e le Asl attendevano indicazioni dall’assessorato, dopo quelle già inviate per l’ attività chirurgica. More…

Senologia raddoppia e il primario rimane

Il pericolo per la sanità livornese sembra scampato. Donato Casella resterà saldo alla guida della senologia di viale Alfieri. Non solo: a Livorno avrà sede la Breast Unit aziendale, una unità complessa di chirurgia senologica, che sarà lo sviluppo dell’attuale struttura fondata appena un anno e mezzo fa dal nulla e diventata già centro di eccellenza in Toscana. More…

Il 118 verso la riforma: con ambulanze senza medici

Un’unica agenzia per coordinare i soccorsi del 118 in tutta la Toscana. È la riforma, ancora in cantiere in Regione, che manterrebbe comunque attive le sei centrali telefoniche del territorio. L’agenzia, che sarebbe pubblica e non appaltata a privati, non sarebbe destinata a gestire direttamente i soccorsi, ma si occuperebbe di stilare le regole d’ingaggio di ambulanze, elicotteri, automediche, operatori sanitari e volontari e anche di fare formazione. More…

L’Asl: stop alle odissee per visite ed esami medici

Pazienti spediti all’Elba o a Grosseto per fare visite ed esami medici? «Non succederà più», assicura Enrico Raggi, responsabile del Centro prenotazioni dell’Asl Nordovest. Perché il programma elettronico che gestisce gli appuntamenti Asl, spiega lo stesso Raggi, «è stato migliorato e già adesso impedisce queste storture». Soprattutto sono state eliminate le rigidità che avevano conseguenze grottesche: se l’operatore del Cup non riusciva a garantire un appuntamento nei tempi richiesti, si aprivano quello che in gergo vengono definite le “agende” fuori Versilia. More…

L’ospedale s’indebolisce. Verso le dimissioni il primario di senologia

L’ospedale di Livorno rischia di perdere uno dei suoi uomini di punta: il primario di senologia, Donato Casella, potrebbe andarsene. Arrivato da Careggi nel dicembre 2016, il chirurgo oncologo fiorentino ha fondato dal nulla la Breast Unit di viale Alfieri portandola in pochi mesi a diventare centro di riferimento per tutta la Toscana, con 370 interventi effettuati nel primo anno di attività. More…

Nascerà a San Paolo una cittadella della salute

E’ stata firmata lunedì in palazzo comunale la convenzione per la costruzione del nuovo Distretto socio-sanitario di San Paolo tra Comune di Prato, Società della salute Area Pratese e Usl Toscana Centro. A firmare formalmente l’atto sono stati l’Ingegner Gianluca Gavazzi per l’Asl e l’architetto Riccardo Pecorario per il Comune di Prato. More…

Declassamento di chirurgia. Qual è il ruolo dei sindaci?

Il consenso è trasversale. Dà la misura del passo falso lo stop imposto dall’assessore al Diritto alla salute della Regione Toscana Stefania Saccardi al direttore generale della Asl Toscana Nord ovest Maria Teresa De Lauretis. L’indicazione è chiara: fermare la delibera 525 del 13 giugno con ci si declassa 
l’unità complessa di Chirurgia generale in unità semplice e porta a ìCecina un’unità complessa di Chirurgia oncologica e ricostruzione del seno. Piace al Pd di Rosignano come a Forza Italia. More…

Punti accoglienza e più personale. «Ai Cup la situazione è critica»

Botta e risposta sui servizi sanitari nel territorio all’interno del consiglio regionale. Annunciati miglioramenti al servizio Cup con la creazione di un nuovo punto accoglienza anche all’interno del San Jacopo. L’assessore alla salute della Regione Toscana, Stefania Saccardi, risponde all’interrogazione presentata dal consigliere regionale del Pd Marco Niccolai, in merito ai disagi riscontrati ai Cup (centri unificati di prenotazione) di Pistoia, Montecatini e Pescia. More…

La ministra chiede lumi sulle liste d’attesa. Rossi: «Ci mandi più soldi»

La nuova ministra alla Salute Giulia Grillo scrive a tutte le Regioni per chiedere informazione sulle liste di attesa. Dalla Toscana rispondono che i progetti per abbatterle ci sono ma c’è bisogno di soldi per attuarli. Ma Grillo parla anche di intramoenia, di come la libera professione vada tenuta sotto controllo, perché non superi l’attività istituzionale dei medici, perché sia prenotabile
attraverso il sistema pubblico e svolta all’interno degli 
ospedali. Tutte cose che in Toscana già si fanno. More…