La Versilia si spacca in due sul futuro della sanità

La Versilia si spacca in due sul futuro della sanità. I malumori emersi ieri dopo la nomina dell’ assessore di Massarosa Simona Barsotti a presidente della Società della salute ­ l’ ente che dovrebbe occuparsi dei servizi sociosanitari in carico ai Comuni ­ sono esplosi a 24 ore di distanza. La notte, insomma, non ha portato consiglio e i sindaci Pd si trovano contro i colleghi di Viareggio e Pietrasanta, Giorgio Del Ghingaro e Massimo Mallegni. Oggi protagonisti di un asse che sta scombussolando la Versilia. Tutto nasce dalle dimissioni di Del Ghingaro, ormai ex presidente della Società della salute. More…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Livorno, facciate nuove al 1° padiglione «Ma all’interno è un disastro»

Domani, col trasferimento di Medicina nel secondo padiglione ristrutturato, si chiuderà la dolorosa vicenda del quinto, che per troppi anni ha accolto migliaia di malati, soprattutto anziani, in un contesto strutturale indecoroso. Ma se il quinto, con le sue crepe nelle camerate, i bagni in fondo ai corridoi, le facciate divorate dal tempo e dall’ incuria, era l’ esempio più evidente dell’ inadeguatezza di una parte almeno del nostro ospedale, ci sono altri padiglioni in condizioni simili. A partire dal primo, sede tra l’ altro di oncologia e cure palliative. Non è un caso che proprio in questi giorni l’ Asl abbia pubblicato la gara per la manutenzione straordinaria dell’ edificio. Importo complessivo circa 400mila euro che serviranno per rifare l’ esterno della struttura: le facciate che cadono a pezzi e il tetto, perforato da infiltrazioni. I lavori dovrebbero iniziare dopo l’ estate con conclusione prevista entro Natale. More…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Asl Centro, attese al pronto soccorso. In arrivo venti rinforzi

Con quattro medici d’ urgenza al pronto soccorso e sei anestesisti, si profila un’ estate meno pesante all’ ospedale Santo Stefano. Nel corso di tutto l’ anno sarà rinforzato tutto l’ organico dell’ emergenza negli ospedali dell’ Asl Toscana Centro, con l’ assunzione di 20 nuovi medici e 28 anestesisti. Diciassette sono già in forze in questi mesi ­ ed altri tre se ne aggiungeranno grazie al turn over e a trasferimenti ­ nei soli pronto soccorsi, anche se in parte si tratta di stabilizzazioni a tempo indeterminato. Nel dettaglio ci saranno 4 medici in più al pronto soccorso di Prato e in quello di Empoli, uno in più al Cosma e Damiano di Pescia e 2 negli ospedali fiorentini di Torregalli e Santa Maria Nuova. More…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Furia Lippi: «L’ospedale non si tocca»

«Il Fials? Non faccia politica, pensi a fare sindacato«. Samuele Lippi è nero. «Dicono che l’ ospedale di Cecina viene smantellato. Ma dove? », risponde a chi ­ come il sindacato autonomo (ieri in assemblea per lo stato di agitazione) ­ dichiara ufficialmente il fallimento del modello dell’ ospedale unico su due presidi. «A questo punto, mi chiedo: forse sono loro che vogliono lo smantellamento di Cecina. Forse un ospedale più forte fa paura a qualcuno. Non si possono affermare cose non vere». More…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Punti nascita, i numeri bocciano anche Livorno

Se andasse in porto il progetto del ministro Beatrice Lorenzin e le linee guida si materializzassero in qualcosa di prescrittivo, di punti nascita ne rimarrebbero pochi pochi. Più o meno si produrrebbe una rivoluzione nella geografia dei servizi sanitari. Di sicuro, nessuna realtà provinciale raggiungerebbe i mille parti/anno. Ora come ora neanche Livorno, dove lo scorso anno i parti sono stati 953. Nel 2015 furono 1019. Altro conto se rimanesse in vigore l’ accordo raggiunto anni fa dalla conferenza Stato Regioni, che quella soglia la dimezza. Cinquecento parti/anno. More…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Legge Gelli-Bianco: istruzioni per l’uso

Una riforma destinata a cambiare il panorama della sanità italiana. E il ruolo dei professionisti che operano sul campo. Quanto basta per rendere necessaria una comprensione profonda dei risvolti pratici e chiamare i due relatori, Federico Gelli e Amedeo Bianco, a spiegarli. Lo faranno lunedì 22 maggio all’ospedale Cisanello di Pisa (Aula 2° piano, edificio 10) nell’incontro “Legge Gelli-Bianco: istruzioni per l’uso”. Per rendere esaustivo il confronto, insieme ai due parlamentari, interverranno specialisti nel campo assicurativo e legale, medici con varie competenze e sindacati. Ciascuno esaminerà alcuni aspetti della normativa, contribuendo a dare una panoramica a 360° sulla legge.
E’ possibile seguire l’evento anche in diretta streaming.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Impasse ospedale. Livorno, l’allarme dei sindacati: «Liste d’attesa lunghe e Case della Salute inesistenti»

«C’è una grave situazione di stallo sul territorio livornese a seguito della mancata applicazione di quella che viene definita ‘Riforma Sanitaria Toscana’, ed a causa del venir meno degli impegni istituzionali che in passato erano stati assunti in merito al rispetto delle tempistiche di attuazione. Tutto ciò crea non pochi problemi ai cittadini». A lanciare l’allarme sono le segreterie provinciali e regionali confederali di Cgil, Cisl e Uil insieme alle categorie dei pensionati e della funzione pubblica. More…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Ospedali toscani: le richieste di danni sono calate del 15%

Cala il numero dei pazienti che hanno chiesto il risarcimento di un danno per un presunto errore commesso in ospedale. E lo fa in modo sensibile . I primi dati sul 2016 del Centro per il rischio clinico della Regione Toscana raccontano un cambiamento che adesso andrà interpretato, per capire cosa significa. Intanto il risultato. L’anno scorso sono stati 1.334 i casi per i quali si è avanzata una richiesta di risarcimento, sia in via stragiudiziale che attraverso l’apertura di un procedimento civile o penale. L’anno precedente erano stati 1.551, quindi la riduzione è stata di circa il 15%. More…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Sanità e appalti, arrestato per corruzione

Era stato soprannominato il magazzino degli sprechi perché, acquistato nel 2012 per oltre 17 milioni di giuro, era rimasto per molti anni abbandonato. Un’inchiesta della Procura di Firenze rivela adesso che dietro la lunga vicenda dell’edificio di Calenzano dell’Estar (ex Estav),l’ente regionale che cura gli acquisti della Asl, ci sarebbe una storia di corruzione. Ieri ai domiciliari, su ordinanza del gip Antonio Pezzuti, sono finiti un dirigente dell’ente, Roberto Borchi, 61 anni, di San Giovanni Valdarno e gli architetti Ranieri Nidi, 49 anni, e Fabio Cenni, 57 anni. More…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

I medici scendono in piazza

Martedì 16 maggio i professionisti del Ssn scendono in strada a Roma, davanti al Ministero della Funzione Pubblica, per un sit-in di protesta. La manifestazione nasce dalla volontà di ribadire al sistema politico le difficoltà nelle qualità versa la sanità italiana: tra un contratto di lavoro che deve essere rinnovato dopo 8 anni e un aggravarsi pressoché costante delle condizioni di lavoro. In piazza Vidoni saranno presenti le più importanti sigle sindacali del settore medico.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter