Il 118 in affanno: a Siena i medici sono in fuga

Può un servizio perdere in appena due anni ben 17 medici su 67 e rimanere in piedi? La domanda è forse retorica, ma la risposta è sicuramente drammatica. Risultato? Postazioni di Emergenza Territoriali in cui scompare la figura del medico; i medici rimasti che non sono sufficienti a riempire le caselle dei turni dei Piani di Lavoro mensili, che ormai vengono stabiliti settimanalmente; una navigazione a vista lontana dagli standard organizzativi necessari a garantire un servizio strategico essenziale come il 118.  More…

Positivi e ricoveri su: gli ospedali pronti a diminuire gli interventi

I nuovi casi positivi al coronavirus in Toscana sono 812, con un tasso di positività dell’11 per cento rispetto a tutte le persone sottoposte al tampone. Sono 2 i nuovi decessi, 117 le guarigioni. Continua la preoccupazione per la crescita dei ricoverati, in particolare di quelli nelle terapie intensive, che salgono del 16 per cento in un giorno: i pazienti Covid sono ora 547 (+36), di cui 72 intubati (+10). C’ è un nuovo focolaio in una Rsa, Villa Serena di Montaione: contagiati 12 anziani ospiti (uno dei quali ricoverato in ospedale) e 10 operatori. More…

Boom di ricoveri negli ospedali. L’ Asl prima li blinda, poi apre

Un boom di ricoverati, quasi 50 in più in un solo giorno, più che raddoppiati in una settimana: negli ospedali toscani, i pazienti Covid ieri sono arrivati a 322 (+47 rispetto a mercoledì), mentre sette giorni prima erano 159. Un’impennata della curva che dal 18 luglio, il giorno del dato più basso dall’inizio dell’emergenza, con 12 ricoverati, fino a una settimana fa era salita lentamente. More…

«Collaborazione anti panico tra sanitari e cittadini»

Una lettera-appello agli oltre 1600 iscritti pistoiesi quella inviata dal presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Pistoia e Provincia, dottor Beppino Montalti. Un testo per condividere le linee guida per i prossimi mesi, con una situazione nuovamente complessa a fronte della forte ascesa dei casi di coronavirus nelle ultime settimane. More…

Scuola, via ai tamponi rapidi. Ma i pediatri non sono pronti

I tamponi a risposta istantanea ci sono, ma ancora non possono essere usati. Perché medici e pediatri di famiglia, che dovrebbero prescriverli agli studenti sospetti Covid, ancora non possono farlo: «La Regione ha previsto un codice che ancora non c’ è sul nostro software, e quindi non possiamo selezionarlo». A dirlo è Valdo Flori, pediatra fiorentino e segretario regionale di Fimp, il sindacato di categoria. Si chiama «codice nomenclatore 8845» e dovrebbe essere inserito dal medico nella ricetta dematerializzata. More…